ELEZIONI POLITICHE 2018 - VOTO PER CORRISPONDENZA DEI CITTADINI ITALIANI TEMPORANEAMENTE RESIDENTI ALL'ESTERO

Settore: 6° Settore: Istruzione - Asili nido - Servizi anagrafici - Stato civile e servizio elettorale - Appalti e Contratti - Progetti comunitari

Si informa che il 4 marzo 2018 si svolgeranno le elezioni per il rinnovo del Parlamento italiano.

Gli elettori italiani che per motivi di lavoro, studio o cure mediche, si trovano temporaneamente all'estero per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento delle Elezioni, nonché i familiari con loro conviventi, potranno partecipare al voto per corrispondenza organizzato dagli uffici consolari italiani (legge 459 del 27 dicembre 2001, comma 1 dell'art. 4-bis), ricevendo la scheda al loro indirizzo all'estero. Per partecipare al voto, tali elettori dovranno - entro il 32° giorno antecedente la data di svolgimento della consultazione elettorale (entro quindi il 31 gennaio 2018) - far pervenire AL COMUNE d'iscrizione nelle liste elettorali un'apposita richiesta. E' possibile la revoca entro lo stesso termine. La richiesta, per la presentazione della quale può essere utilizzato il fac-simile predisposto dagli uffici, può essere inviata a mezzo PEC (affarigenerali@comune.teramo.pecpa.it), oppure a mezzo posta elettronica (servizi.demografici@comune.teramo.it), ovvero fatta pervenire all’ufficio protocollo del Comune purché pervenga entro il 31 gennaio 2018.

La dichiarazione di opzione, redatta su carta libera e obbligatoriamente corredata di copia di documento d'identità valido dell'elettore, deve in ogni caso contenere l'indirizzo postale estero cui va inviato il plico elettorale, l'indicazione dell'Ufficio consolare competente per territorio e una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti per l'ammissione al voto per corrispondenza (vale a dire che ci si trova - per motivi di lavoro, studio o cure mediche - in un Paese estero in cui non si è anagraficamente residenti per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento della consultazione elettorale, oppure, che si è familiare convivente di un cittadino che si trova nelle predette condizioni).

La dichiarazione va resa ai sensi degli articoli 46 e 47 del decreto del Presidente della Repubblica del 28 dicembre 2000, n. 445 (testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa), dichiarandosi consapevoli delle conseguenze penali in caso di dichiarazioni mendaci (art. 76 del citato DPR 445/2000)."

Modello di richiesta voto all'estero

counter

Ricerca nel sito

Banner

Piano di protezione civile ed emergenza comunale
Danni sisma
Gara Te.Am.
I.M.U. Imposta Municipale Unica
Calcolo I.U.C.
DEFINIZIONE AGEVOLATA  DELLE INGIUNZIONI DI PAGAMENTO
Cassetto tributario
Quartiere San Giorgio e via Mario Capuani
Premio Teramo
Invia una mail al soggetto titolare dei poteri sostitutivi in caso di inerzia della P.A
Scopri i nuovi servizi online
S.I.T. - Sistema Informativo Territoriale
CDU online
Primi in trasparenza: controlla anche tu!!!
Polizia Municipale
Scuola Online
Riferimenti fatturazione elettronica
Cambio di residenza
Servizio Fornitori
Pratiche on line
Ordinanze e Decreti Sindacali
Albo Online
Comitati di quartieri e frazioni
Posta Elettronica Certificata
Inventario Archivio Storico Comunale
Sportello Unico per l'Edilizia
S.U.A.P. - Sportello Unico per le Attività Produttive
Mobilità & Disabili
Piano Regolatore Generale
Comitato Unico di Garanzia
PERLA PA
Bilanci
Consorzio Punto Europa Teramo
Canale You Tube
http://www.teramo.minijob.it/