Il Sindaco al Commissario Farabollini: “Chiediamo insieme, al nuovo Governo, di cambiare rotta sulla ricostruzione”

Il Sindaco Gianguisdo D'Alberto ha rilasciato una nota dopo le affermazioni rialscaite nei grioni scorsid al COmmisario epr la Ricostruzione Farabollini. Pubblichiamo alcuni estratti della stessa nota.

"Con riferimento alle affermazioni del Commissario Farabollini e alle sue critiche al Presidente della Regione Abruzzo - ma  direi all’intera Regione - per la gestione della ricostruzione, mi sento di esprimere un forte senso di preoccupazione, mista a sconforto, anche in rappresentanza del sentimento dei nostri concittadini; credo che a tre anni dagli eventi sismici, con una ricostruzione sia pubblica che privata ancora ferma, continuare a muoversi su un piano di dichiarazioni, affermazioni, prese di posizioni in cui si cerca di spostare le responsabilità su altri piuttosto che valutare ciò che si poteva e doveva fare in base alle competenze, sia il modo più sbagliato per affrontare la situazione.
Invito, pertanto a lavorare tutti in modo collaborativo perché è quello che dobbiamo ai nostri cittadini, senza dare responsabilità ad altri ma assumendoci le nostre competenze. Esprimo perciò un appello a tutte le istituzioni – Commissario Straordinario per primo, che ha questo ruolo centrale di guida della ricostruzione e anche di tramite tra i territori,  gli sfollati,  i Sindaci, le Regioni e il  Governo nazionale – ad avere un atteggiamento propositivo e costruttivo.
Come esponenti più vicini al cittadino, ogni giorno noi Sindaci combattiamo, lavoriamo, proponiamo,  stimoliamo tutte le istituzioni; così faremo con il nuovo  Governo al quale rappresentiamo questa enorme responsabilità: partire immediatamente con l’affrontare tutta la questione e dare risposte chiare; più risorse, più personale, sblocco della ricostruzione pubblica, normativa che alleggerisca le procedure.
Non ho nessuna difficoltà a chiedere scusa ai miei concittadini sfollati – come suggerisce lo stesso Commissario Farabollini – semplicemente perché noi Sindaci lo facciamo già ogni giorno.. ma non solo a nome nostro, bensì  a nome di tutte le istituzioni della Repubblica che ancora continuano a sottovalutare la situazione e a non dare risposte.
Non guardiamo a ciò che non è stato fatto ma a ciò che dobbiamo fare.  Questo è ciò che ci chiedono i nostri cittadini. Noi Sindaci continueremo a lavorare su questo fronte, pronti a pungolare le istituzioni e chiunque sia chiamato ad impegnarsi sulla ricostruzione".  

Gianguido D’Alberto - Sindaco di Teramo

09 settembre 2019
counter

Ricerca nel sito

Banner

Microzonazione Sisimica
Quale futuro per la Carlo Febbo
Teatro Romano
Censimento permanente della popolazione 2018 - 2021
Piano di protezione civile ed emergenza comunale
Danni sisma
I.M.U. Imposta Municipale Unica
Calcolo I.U.C.
DEFINIZIONE AGEVOLATA  DELLE INGIUNZIONI DI PAGAMENTO
Elezioni amministrative 2018
Scopri i nuovi servizi online
Albo Online
S.U.A.P. - Sportello Unico per le Attività Produttive
Sportello Unico per l'Edilizia
CDU online
S.I.T. - Sistema Informativo Territoriale
Scuola Online
Polizia Municipale
Gara Te.Am.
Invia una mail al soggetto titolare dei poteri sostitutivi in caso di inerzia della P.A
Premio Teramo
Primi in trasparenza: controlla anche tu!!!
Quartiere San Giorgio e via Mario Capuani
Riferimenti fatturazione elettronica
Cambio di residenza
Servizio Fornitori
Pratiche on line
Ordinanze e Decreti Sindacali
Posta Elettronica Certificata
Comitati di quartieri e frazioni
Inventario Archivio Storico Comunale
Mobilità & Disabili
Piano Regolatore Generale
PERLA PA
Bilanci
Consorzio Punto Europa Teramo
Canale You Tube
http://www.teramo.minijob.it/
Segnalazioni illeciti  Segnalazioni ai sensi dell'articolo 54 bis, Decreto Legislativo nr.165/2001