La gestione dei campi frazionali alle società locali fino al 2021

Nel pomeriggio del 13 Agosto, si è riunita la Giunta municipale che ha approvato, su indicazione dell’Assessore Antonio Filipponi, una delibera riguardante la gestione dei campi sportivi frazionali.
 
Dando attuazione ancora una volta ad un impegno assunto in campagna elettorale, l’amministrazione ha così riattivato il rapporto fiduciario con le società che gestiscono i campi di calcio, tornando ad assegnare alle stesse anche il contributo economico che il Commissario Straordinario aveva dimezzato.

Le società interessate sono le seguenti: A.S.D Varano Calcio, Campo di calcio fraz. Colle S. Maria;  A.S.D Ponte Vomano, Campo di calcio fraz. Villa Vomano;  Amatori Forcella, Campo di calcio fraz. Forcella; Pol. Alto Tordino, Campo di calcio fraz. Valle S. Giovanni;  A.S.D. Frondarola, Campo di calcio fraz. Frondarola; U.S. Miano, Campo di Calcio fraz. Miano; A.S. Poggese, Campo di calcio fraz. Poggio S. Vittorino.
La decisione per quanto riguarda gli altri due impianti comunali di San Nicolò e Piano della Lenta, è rinviata perché nel primo caso si è in attesa dell’omologazione della struttura, nel secondo delle valutazioni tecniche per la sua riqualificazione, visto lo stato di compromissione.
Si è stabilito che le società andranno ad accollarsi anche le spese di manutenzione straordinaria.
Altra significativa novità è relativa alla durata dell’affidamento che per la prima volta supera la periodicità annuale e viene invece protratto fino al 30 Giugno 2021.  

La scelta dell’amministrazione è strettamente in relazione al servizio garantito dai gestori, che resta di primaria importanza per la collettività in quanto gli impianti vengono utilizzati per lo svolgimento di attività sportive e ricreative; garantirne pertanto il funzionamento, costituisce un elemento fondamentale e indispensabile per le Associazioni sportive e per il territorio, che spesso, soprattutto nell’ambito frazionale trova proprio nell’impianto di calcio il punto aggregativo di maggior riferimento.

Il Sindaco Gianguido D’Alberto sottolinea: “La drastica riduzione dei contributi alle società e alle associazioni degli anni precedenti, aveva rischiato di mettere a repentaglio le attività sportive nonché la funzione sociale che spesso rappresentano, specialmente nelle frazioni dove sono l’unico elemento di coesione e socializzazione. Tale rischio avrebbe avuto inevitabili ricadute sul tessuto economico cittadino ed anche su quello sociale. Lo sport è anche un sistema economico che si regge per natura su equilibri che devono essere assecondati e sostenuti”.  
A lui fa eco l’Assessore Antonio Filipponi: “L’ amministrazione continuerà a tenere vivo il dialogo ed il coinvolgimento con tutte le società sportive interessate ad individuare un percorso condiviso, finalizzato ad una gestione economicamente vantaggiosa ed efficiente degli impianti che porti vantaggi per l’ente comunale, per le società sportive e per i cittadini”.  

13 agosto 2019
counter

Ricerca nel sito

Banner

Incontri in Pinacoteca
Microzonazione Sisimica
Teatro Romano
Quale futuro per la Carlo Febbo
Censimento permanente della popolazione 2018 - 2021
Piano di protezione civile ed emergenza comunale
Danni sisma
I.M.U. Imposta Municipale Unica
Calcolo I.U.C.
DEFINIZIONE AGEVOLATA  DELLE INGIUNZIONI DI PAGAMENTO
Elezioni amministrative 2018
Scopri i nuovi servizi online
Albo Online
S.U.A.P. - Sportello Unico per le Attività Produttive
Sportello Unico per l'Edilizia
CDU online
S.I.T. - Sistema Informativo Territoriale
Scuola Online
Polizia Municipale
Gara Te.Am.
Invia una mail al soggetto titolare dei poteri sostitutivi in caso di inerzia della P.A
Premio Teramo
Primi in trasparenza: controlla anche tu!!!
Quartiere San Giorgio e via Mario Capuani
Riferimenti fatturazione elettronica
Cambio di residenza
Servizio Fornitori
Pratiche on line
Ordinanze e Decreti Sindacali
Posta Elettronica Certificata
Inventario Archivio Storico Comunale
Mobilità & Disabili
Piano Regolatore Generale
PERLA PA
Bilanci
Consorzio Punto Europa Teramo
Canale You Tube
Segnalazioni illeciti  Segnalazioni ai sensi dell'articolo 54 bis, Decreto Legislativo nr.165/2001