Mosaico del Leone: intesa tra istituzioni e proprietà; al via il recupero e la fruizione culturale e turistica

E’ stato sottoscritto ieri il “Protocollo d’Intesa per il Restauro e la Valorizzazione della Domus del Leone”, tra il Comune di Teramo, la Soprintendenza Archeologia belle Arti e Paesaggi dell’Abruzzo, il proprietario Bernardo Savini e la Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Teramo.
L’atto è sancisce l’avvio di una collaborazione pubblico/privato per mezzo della quale sarà avviato l’intervento di restauro dell’antica opera d’arte, al fine di consentirne la fruibilità turistica e culturale.

Alla luce di questo obiettivo, il Sindaco Gianguido D’Alberto e l’assessore Luigi Ponziani avevano intrapreso nei mesi scorsi una intensa attività di concertazione con la Soprintendenza e la Fondazione Tercas, che ha portato all’intesa sancita con la famiglia Savini e che apre importanti prospettive per le implicazioni turistiche e culturali che ne derivano.  Va ricordato che tra le finalità del’amministrazione comunale, vi è quella di valorizzare il patrimonio culturale della città in tutte le sue forme, di favorire iniziative fondate sulla tradizione  storica locale, di promuovere, nel rispetto delle reciproche autonomie, la più ampia collaborazione con le istituzioni culturali; di sostenere le attività di supporto al turismo.

L’intesa fa seguito ad una serie di contatti tra le parti e di sopralluoghi sul sito stesso, da cui è emerso che il mosaico e gli ambienti della Domus necessitano di urgenti interventi di restauro e bonifica; a tal fine si è convenuto di attuare congiuntamente una serie di azioni:
a)     restaurare e recuperare il mosaico e gli ambienti della Domus del Leone;
b)    garantire la tutela e la conservazione del suddetto sito archeologico e la salubrità degli ambienti in cui esso insiste;
b)     garantirne la fruizione attraverso un'apertura al pubblico dei locali e/o altre forme di valorizzazione.

L’intesa specifica le attività di competenza di ciascun attore. La Soprintendenza garantirà l’attività di progettazione di un intervento di restauro e la sorveglianza scientifica dell’opera; il Proprietario si impegna a concedere alla Fondazione il comodato della Domus e degli ambienti che la ospitano per un periodo di almeno venti anni autorizzando la realizzazione dei lavori da farsi, previa condivisione del relativo progetto, ed al fine di consentirne la fruizione pubblica; il Comune si impegna a realizzare ogni opera ritenuta necessaria dalla Soprintendenza al fine di garantire la tutela e la conservazione della Domus e la salubrità degli ambienti in cui la stessa è collocata; inoltre, il Comune si impegna a promuovere la fruibilità e la valorizzazione della Domus garantendone l’accesso al pubblico nell’ambito di uno specifico percorso archeologico, conformemente ad un progetto di gestione condiviso tra le parti; la Fondazione, si impegna a far realizzare le opere nonché a far progettare e a far realizzare ogni altro intervento presso i locali che ospitano la Domus, ritenuto necessario dalla Soprintendenza per la valorizzazione, la conservazione e la tutela del sito.

Dichiarazioni del Sindaco Gianguido D’Alberto. “Già nel programma elettorale avevamo assunto l’impegno di individuare nella crescita culturale della città, uno dei volani principali della nuova identità da costruire; il recupero e la fruizione del Mosaico del Leone costituiscono, in questo senso, una pietra miliare. Con la firma dell’accordo, abbiamo posto il primo tassello di un ampio progetto la cui finalità è di ricostruire un percorso culturale che a partire dal patrimonio archeologico, artistico e monumentale sul quale peraltro già stiamo intervenendo con altre attività (Teatro Romano, area Madonna delle Grazie, Castello Della Monica, ecc), sappia poi articolare le sue dinamiche non solo per la crescita dei cittadini ma anche in termini turistici ed economici.  Oltre al valore straordinario dell’operazione, ritengo che quanto accaduto dimostri che la ritrovata sinergia con la Soprintendenza e la confermata collaborazione con La Fondazione, forse intensificata soprattutto nelle motivazioni,  sono il segnale di una rinascente speranza per la nostra città. A ciò si unisca il valore aggiunto della collaborazione con il privato, in questo caso la famiglia Savini che ha manifestato sensibilità e partecipazione, e il cerchio è chiuso: possiamo credere che Teramo saprà intraprendere la strada per tornare a brillare di luce propria. Ringrazio pertanto la Fondazione, che ancora una volta si dimostra sensibilissima alle esigenze della nostra città; la Soprintendenza, che ha colto in pieno il valore dell’attività che abbiamo posto in essere e la famiglia Savini, che con una apertura eccezionale ha posto a disposizione della collettività un bene così prezioso”.

Dichiarazioni dell’assessore Luigi Ponziani: “Abbiamo siglato un accordo particolarmente significativo in sé ma enormemente importante per le prospettive che indica. La sinergia tra istituzioni e la lungimiranza unita al positivo atteggiamento civico manifestate dalla famiglia Savini, costituiscono un momento di svolta rispetto a tanto parlare che si è fatto per decenni;  passiamo da un atteggiamento passivo ad aspetti organizzativi e strategici reali.  Lo facciamo partendo da questo che è forse il simbolo più prestigioso del nostro passato, il Mosaico del Leone appunto,  ma con l’occhio e l’intelligenza attenti a tutte le emergenze archeologiche, maggiori e minori, che insistono nel nostro territorio; perché la fortuna cercata, costruita e raggiunta dell’operazione che oggi salutiamo con particolare soddisfazione, è l’inizio di un percorso  che si annuncia entusiasmante e pieno di prospettive.  La convenzione dà garanzie e indica chi e cosa bisogna fare, e tutto questo ci fa dire che c’è luce in fondo al tunnel anche per questa città. L’accordo che sancisce la rinascita del Mosaico del Leone farà da sprone per l’amministrazione comunale, che ha difficoltà finanziarie e di operatività organizzativa ma che ora può guardare alle proprie prospettive in modo diverso, consapevole della possibilità di individuare ed intercettare strumenti e modalità operative efficaci”.

08 agosto 2019

Galleria fotografica
Per visualizzare la foto ad alta risoluzione occorre cliccare sopra l'immagine.

L'ingresso di Palazzo Savini
Il sito del Mosaico del Leone
Le istituzioni e la famiglia Savini
Il Sindaco e Enrica Salvatore, Presidente della Fondazione Tercas
Luigi Ponziani, Assessore alla Cultura
counter

Ricerca nel sito

Banner

Microzonazione Sisimica
Quale futuro per la Carlo Febbo
Teatro Romano
Censimento permanente della popolazione 2018 - 2021
Piano di protezione civile ed emergenza comunale
Danni sisma
I.M.U. Imposta Municipale Unica
Calcolo I.U.C.
DEFINIZIONE AGEVOLATA  DELLE INGIUNZIONI DI PAGAMENTO
Elezioni amministrative 2018
Scopri i nuovi servizi online
Albo Online
S.U.A.P. - Sportello Unico per le Attività Produttive
Sportello Unico per l'Edilizia
CDU online
S.I.T. - Sistema Informativo Territoriale
Scuola Online
Polizia Municipale
Gara Te.Am.
Invia una mail al soggetto titolare dei poteri sostitutivi in caso di inerzia della P.A
Premio Teramo
Primi in trasparenza: controlla anche tu!!!
Quartiere San Giorgio e via Mario Capuani
Riferimenti fatturazione elettronica
Cambio di residenza
Servizio Fornitori
Pratiche on line
Ordinanze e Decreti Sindacali
Posta Elettronica Certificata
Comitati di quartieri e frazioni
Inventario Archivio Storico Comunale
Mobilità & Disabili
Piano Regolatore Generale
PERLA PA
Bilanci
Consorzio Punto Europa Teramo
Canale You Tube
http://www.teramo.minijob.it/
Segnalazioni illeciti  Segnalazioni ai sensi dell'articolo 54 bis, Decreto Legislativo nr.165/2001