Tavolo di crisi aperto in regione sulla vertenza Ipersimply

A L’Aquila, presso la sede della Giunta Regionale, si è tenuta la prima seduta del tavolo di crisi regionale relativa alla vertenza dell’Ipersimply di Piano D’accio, alla presenza del Presidente f.f. della Regione, On. Giovanni Lolli, del Presidente della Provincia, Renzo di Sabatino, del Sindaco di Teramo, Gianguido D’alberto, oltre che delle rappresentanze sindacali e dei rappresentanti del Gruppo SMA. Ha partecipato alla riunione anche il Consigliere Comunale Andrea Core

A seguito del Consiglio Comunale dello scorso martedì, durante il quale sono stati prima ricevuti e ascoltati i lavoratori e successivamente all’unanimità è stato votato un Ordine del giorno sulla vicenda, il tavolo di oggi è stato una importante occasione per ribadire le posizioni già espresse dall’amministrazione comunale.

L’Ipersimply di Piano D’accio, riconosciuto da molti come ex Cityper, ha rappresentato e rappresenta un punto di riferimento per la comunità teramana: si tratta del primo ipermercato di grandi dimensioni aperto nel nostro territorio, un luogo al quale la nostra comunità nel corso degli anni ha dato moltissimo e al quale i lavoratori hanno dedicato la propria vita costruendolo e facendolo crescere. Oggi la sua chiusura apre una ferita quasi impossibile da ricucire, specie in un periodo di profonda crisi economica e sociale, legata fortemente alle calamità naturali che hanno colpito e messo a dura prova la città e la provincia.
Per questi motivi, i termini temporali imposti dal gruppo SMA, con la decisione di chiudere il punto vendita comunicata ai lavoratori solo 20 giorni prima, risultavano e risultano tuttora inaccettabili.

Tutte le istituzioni coinvolte hanno ribadito la disponibilità e la volontà di affrontare la vertenza con la massima chiarezza possibile; le istituzioni e le parti sindacali hanno posto condizioni per avviare una trattativa sul futuro dei lavoratori. Condizioni che sono state in parte sottoscritte dalla delegazione del Gruppo aziendale.
Quello di oggi è stato solo un primo incontro; le parti si sono date nuovamente appuntamento per Giovedì 20 settembre alle ore 9.30 in Provincia. Tale incontro, tra l’altro, sarà utile per conoscere le ipotesi che l’azienda vuole mettere in campo.


Il Sindaco Gianguido D’Alberto dichiara: “L’amministrazione comunale, considera tale vertenza una priorità assoluta per il territorio e continuerà a monitorare e a lavorare, mettendo in campo ogni iniziativa possibile, affinché si giunga ad una soluzione dignitosa, nell’interesse di Teramo, dei teramani e dei lavoratori. Ribadisco la contrarietà al metodo adottato dalla proprietà e torno a chiedere garanzie e certezze sul piano di trasferimento. Oltre ciò, chiediamo che l’azienda contini a garantire il pagamento degli stipendi ai lavoratori, almeno fino alla chiusura di questa fase, e invitiamo la stessa a considerare le difficoltà in cui le scelte annunciate, che ci auguriamo possano essere riviste, pongono ad intere famiglie”.

13 settembre 2018
counter

Ricerca nel sito

Banner

Elezioni amministrative 2018
Censimento permanente della popolazione 2018 - 2021
Piano di protezione civile ed emergenza comunale
Danni sisma
Gara Te.Am.
I.M.U. Imposta Municipale Unica
Calcolo I.U.C.
DEFINIZIONE AGEVOLATA  DELLE INGIUNZIONI DI PAGAMENTO
Cassetto tributario
Quartiere San Giorgio e via Mario Capuani
Premio Teramo
Invia una mail al soggetto titolare dei poteri sostitutivi in caso di inerzia della P.A
Scopri i nuovi servizi online
S.I.T. - Sistema Informativo Territoriale
CDU online
Primi in trasparenza: controlla anche tu!!!
Polizia Municipale
Scuola Online
Riferimenti fatturazione elettronica
Cambio di residenza
Servizio Fornitori
Pratiche on line
Ordinanze e Decreti Sindacali
Albo Online
Comitati di quartieri e frazioni
Posta Elettronica Certificata
Inventario Archivio Storico Comunale
Sportello Unico per l'Edilizia
Mobilità & Disabili
Piano Regolatore Generale
Comitato Unico di Garanzia
PERLA PA
Bilanci
Consorzio Punto Europa Teramo
Canale You Tube
http://www.teramo.minijob.it/
Segnalazioni illeciti  Segnalazioni ai sensi dell'articolo 54 bis, Decreto Legislativo nr.165/2001